Erno edicola romana non convenzionale sevenzine
Art Space

Magazine & drink: l’avanguardia culturale di ERNO – Edicola Romana Non Ordinaria.

Magazines nazionali ed internazionali di moda, architettura, arte e design. Un punto di riferimento per i romani grazie alla variegata scelta editoriale che stimola la loro ricerca creativa.

Andrea Mercuri, Art director & co-founder di ERNO

L’avanguardia culturale a Roma ha un nome e si chiama ERNO. L’edicola non convenzionale che, a metà strada tra un bookshop e un Cafe di design, offre ai suoi clienti riviste di qualità e un’accurata selezione di vini e birre artiginali.


Capita alle volte di imbattersi nelle grandi città, che in un indimenticato tempo ante-COVID19 erano così chiassose e affollate, in quelli che possiamo definire “i posti del cuore”. Quei luoghi, quegli spazi, quelle realtà che immediatamente entrano a far parte dei nostri porti sicuri, per abituarsi di nuovo a pensare quanto rassicurante sia averne uno.

Ecco, c’è un posto – nel cuore di Seven – che è subito entrato di diritto nella nostra personale enciclopedia alla voce “dove sentirsi felici”, e quel posto è l’Edicola ERNO a Roma

View this post on Instagram

proposte del giorno ✌️ • • #magazine #edicolaerno

A post shared by Erno (@edicolaerno) on

L’acronimo sta per Edicola Romana Non Ordinaria, nome tanto semplice quanto immediato, per cogliere l’anima di questa piccola edicola, situata in Piazza Capponi, nel cuore di Borgo Pio.

Edicola ERNO nasce infatti a partire da un chiosco di giornali chiuso da tempo, che ritorna ad alzare le serrande poco più di un anno fa grazie all’iniziativa di quattro ragazzi dalle professionalità variegate.

Prende vita un progetto che abbraccia editoria indipendente, moda, design, arte, ma anche grafica e enogastronomia locale.

Riqualificare uno spazio come quello di Piazza Capponi a partire dalla leva straordinaria della produzione culturale: un modo intelligente per entrare in un settore in crisi, come quello dell’editoria cartacea, portando la cittadinanza a riappropriarsi di uno spazio di socialità, come quello della piazza, attraverso anche (perché no?) il meritatissimo momento a fine giornata dell’aperitivo. 

Un’edicola quindi come non l’abbiamo vista mai! Da ERNO al posto di giornali di gossip si possono sfogliare e acquistare riviste di design, dalle più patinate alle più radical.

Invece delle parole crociate trovano spazio illustrazioni di giovani artisti; sulle vetrine l’esposizione dei quotidiani è sostituita da uno spazio mostre, dove la scena indipendente di Roma trova casa; infine, al posto di biglietti e abbonamenti ATAC, ERNO propone una selezione di vini e birre artigianali, da asporto e da poter degustare autonomamente sulle panchine della piazza.

View this post on Instagram

book power ???at @edicolaerno Sconfiggi il maltempo ⚡️?

A post shared by Erno (@edicolaerno) on

Abbiamo intervistato Andrea Mercuri, giovanissima art director e co-founder di ERNO, da pochissimo di nuovo dietro il bancone del chiosco, che ha finalmente riaperto lunedì 4 Maggio, all’alba della famigerata fase 2.

Andrea Mercuri, Art director e Co-founder di ERNO.

Tra le anime di ERNO c’è anche la voglia di collaborare a progetti site specific con artisti, illustratori, grafici.
Quale è stata in questo anno di apertura la linea curatoriale delle mostre? 

Da circa un anno dall’apertura della nostra Edicola abbiamo pensato ad un nuovo progetto espositivo, prevedendo l’organizzazione di eventi d’arte.

Le vetrine, emblema dell’ordine architettonico delle edicole romane, assumono da Erno una metamorfosi, rendendo lo spazio vivo e colorato grazie alle illustrazioni di artisti emergenti.

Ogni appuntamento d’arte prevede sempre un vernissage al fine di creare curiosità ed interazione tra gli appassionati. 

La linea curatoriale di Erno ha molteplici sfumature,basandosi prevalentemente sulla fotografia, sulla grafica e sull’illustrazione.  

“Sedurre serpenti” mostra di Maria Laura Fedi ha dato il via ad una stagione espositiva ricca di eventi tra cui ricordiamo: “A(m)mare” di Cinzia Franceschini , “Temperature.Vignette d’amore” di Fabio Magnasciutti , “10B5” di Officina B5 , “Abita” di DIVISODUE. (e molte altre). Avremmo voluto inaugurare questo nuovo anno con le opere di Ludovica di Camillo creatrice di “Urbe” ma l’appuntamento è momentaneamente rinviato.

Hai scelto un taglio di fornitura riviste molto particolare: arte, design, fotografia. Quali sono quelle che piacciono di più ai vostri clienti?

Le riviste sono il cuore pulsante di Erno. Spaziamo tra magazines nazionali ed internazionali di moda, architettura, arte e design.

I nostri clienti ci considerano punto di riferimento data la variegata scelta editoriale che stimola la loro ricerca creativa. I magazines più gettonati attualmente sono CEREAL MAGAZINE, CABANA, SELF SERVICE, YOUTHIES e TOILET PAPER.

Come state vivendo i primi giorni di riapertura? Quale è il riscontro da parte degli affezionati?

Abbiamo riaperto da poco e possiamo essere più che contenti del riscontro ad oggi ricevuto nonostante le abitudini siano diverse. I nostri clienti vengono a trovarci per acquistare i nostri articoli che riempiono piacevolmente gli spazi vuoti di queste giornate.

Progetti per l’estate, distanziamento sociale permettendo?

Ad oggi sui progetti estivi si naviga a vista. Le idee e le collaborazioni non mancano, ma in questa fase è prematuro garantire una concreta identità. Nel frattempo continuiamo a fare ricerca attendendo un repentino ritorno alla tanto apprezzata normalità.

ERNO – Edicola Romana Non Ordinaria 

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato
dalle 10 alle 13
dalle 15 alle 18

Giulia Tucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *