Space

Intervista a Stefania Del Monte, direttore di Ciao Magazine.

Giornalista e scrittrice, Stefania Del Monte è esperta di comunicazione e autrice di diverse pubblicazioni in italiano, inglese e spagnolo. Da molti anni promuove attivamente l’Italia nel mondo attraverso una fitta rete di relazioni internazionali. È stata consigliere dell’Associazione Donne Italiane di Hong Kong, co-fondatrice e responsabile della comunicazione per l’Italian British Association, co-fondatrice e direttore di Ciaopraga e, attualmente, è responsabile globale delle Pubbliche Relazioni per l’A.I.M. – Associazione per l’Italia nel Mondo. Ha, inoltre, ricoperto incarichi per la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, la Banca Mondiale, l’Iniziativa Centro Europea, BP, ENI, AGIP e Alitalia. Dal 2016 è Direttore di Ciao Magazine.

Ciao Stefania, raccontaci qualcosa di te.
Parlare di se stessi è sempre una cosa complicata… Mi definirei una “sognatrice con i piedi per terra”. Sono una persona socievole e credo tantissimo nell’amicizia. Amo viaggiare e scrivere: passione, quest’ultima, che ho trasformato in un lavoro e chi mi riempie di soddisfazioni. Amo la storia, scoprire nuovi luoghi e nuove culture. Pur vivendo all’estero da molti anni, adoro l’Italia. Sono nata a Fumone, un gioiellino medioevale nel cuore della Ciociaria che per me sarà sempre il posto più bello del mondo, e sono cresciuta nella Città Eterna: caotica e snervante quando ci vivevo ma così meravigliosamente unica che non può fare a meno di mancarmi quando sono lontana. E poi c’è la mia passione per il calcio e per la Roma, che colora ogni mia giornata.

Che cos’era Ciaopraga?
Ciaopraga è un bimestrale di arte, cultura e stile in lingua italiana che ho fondato nel 2016 insieme a Francesco Caponera, fotografo e designer residente in Inghilterra, e che è stato pubblicato fino al 2018. Nonostante la breve durata, il periodico si è rivelato un importante ponte culturale tra Repubblica Ceca e Italia. Il nostro obiettivo, in un tempo segnato sempre più dalle reti sociali e dai nuovi media digitali, non era di informare o trasmettere notizie ma di condividere la nostra visione del mondo e le nostre idee tramite proposte che fossero espressione non solo della vita culturale praghese ma anche di quella indelebile italianità che ci rende unici al mondo. Questa meravigliosa avventura si è poi espansa a livello internazionale, trasformandosi in Ciao Magazine.

A chi si rivolge il magazine?
L’attenzione è rivolta a un pubblico che non ama cedere alle tentazioni dell’informazione mordi e fuggi ma vuole, al contrario, regalarsi il tempo per assaporare le nostre proposte: una vera e propria condivisione di esperienze, sensazioni, emozioni che arriva a trasformare gradualmente il nostro stile di vita e che, partendo dalla piattaforma online, prosegue attivamente sulle pagine social, facendoci sentire parte di un’unica, grande famiglia globale.

Da chi è composto il team di Ciao Magazine?
La redazione è composta, attualmente, da oltre 50 collaboratori. I nostri autori sono giornalisti, fotografi e, in generale, esperti di vari settori: dall’arte alla cultura, dai viaggi all’enogastronomia e molto altro. Un team straordinario che condivide entusiasmo, passione per il proprio lavoro e, soprattutto, la capacità di saper osservare il mondo e riconoscere qualità e talento, raccontandoli con uno stile fresco ed originale.

Secondo te, qual è il punto di forza di Ciao Magazine?
I punti di forza sono svariati, a partire dal design contemporaneo e scorrevole del nostro sito. E poi la semplicità e immediatezza degli articoli e l’eccellenza dei nostri contenuti, oltre che un’accurata selezione degli argomenti trattati che, insieme alla grande varietà offerta, ci permette di raggiungere diversi settori di pubblico. Ad esempio, si è appena conclusa la prima edizione del nostro concorso “Giovani Autori”, rivolto a studenti di lingua italiana di età inferiore ai 18 anni e residenti fuori dall’Italia: un’iniziativa che ha portato alla pubblicazione di una serie di articoli di buona qualità, malgrado la giovane età degli autori, e che ha permesso al magazine di raggiungere una fascia d’età generalmente meno attratta da una tipologia di pubblicazioni come la nostra.

Quali sono le sue prospettive future?
Stiamo crescendo rapidamente. Oltre ad aver mantenuto l’ottima base di pubblico costruita in Repubblica Ceca con Ciaopraga, abbiamo un numero sempre più vasto di lettori affezionati che ci segue dai Paesi con maggiore presenza di utenti in lingua italiana, quali l’Italia, l’Argentina, l’Inghilterra e la Spagna. Iniziamo, inoltre, ad avere un seguito di tutto rispetto anche dall’Australia, il Paese in cui risiedo attualmente, oltre che da Hong Kong e dagli Stati Uniti.

L’obiettivo, ovviamente, è di continuare a migliorarci sia in termini di qualità e varietà dei contenuti, sia in termini di pubblico. Per questo, accogliamo di continuo richieste di collaborazione (chi è interessato può scriverci a redazione@ciaomag.com) e stiamo già lavorando ad una serie di nuovi, eccitanti progetti. Vi consigliamo, quindi, di continuare a seguirci attraverso le nostre pagine Facebook, Instagram e LinkedIn, oppure direttamente sul sito www.ciaomag.com.

Silvia Commisso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *