Music

Antidoti per maschere e mascherine. La primavera rap del #iorestoacasa.

Iniziative rap e non solo a sostegno della fantasia in quarantena. Come dice Platone: “la musica è per l’anima quello che la ginnastica è per il corpo”.

“A metà di un film di fantascienza siamo tutti in prima fila”, e in quarantena il consiglio che va per la maggiore è non lasciarsi andare, tenersi in forma, fare allenamento. Se poi la tipica fantasia primaverile vi sembra svanita, è arrivata l’ora di mettervi comodi, all’ascolto, e seguire il mantra di Platone: “la musica è per l’anima quello che la ginnastica è per il corpo”. Come cavalieri su grandi cavalli bianchi, infatti, per questo mese scendono in campo i rinforzi, perché la pandemia non fermi la fantasia. Dal violinista Yo Yo Ma con le sue #songsofcomfort, alla superstar Lizzo, con i mantra meditativi per una guarigione diffusa e interiore, il mondo musicale si è messo in marcia per non farsi fermare dal virus.

E proprio come accade con l’arte, quando la lasciamo rifluire libera questa ci sorprende. In Italia ad esempio da fine marzo il web si è popolato di video, audio, sfide e contest freestyle. Con un’unica vera protagonista: la scena rap. Da Fabri Fibra a Salmo, passando per Myss Keta, Madame, Clementino e Ketama, tutti hanno contribuito ad alimentare il palcoscenico.

Chi con contest a tema ‘Covid’, chi con contenuti propri, demo e poche barre. Ma per il viaggio da quarantena a tema ‘fantasia’ non è che l’inizio. Come uno tsumani sbarca infatti sul pianeta Instagram il contest di Jonny Marsiglia e Night Skinny: giovani e adulti in quarantena che rappano sulla base del producer in download gratuito, e sfondano la linea dei 5.000 contributi. Rappano senza sosta e con ogni genere d’accento, chi con talento e chi no. Tutti all’hashtag #redbullnext #essemagazine. Il premio in palio? La registrazione insieme ai due artisti di un video delle famose #64bars della Red Bull. https://www.redbull.com/it-it/red-bull-music-presents-next.

View this post on Instagram

Abbiamo ricevuto più di 4.000 video per #RedBullNext. Non è stato facile, ma io, @johnny_marsiglia , i ragazzi di @essemagazine e di @redbullitalia abbiamo ascoltato ogni vostra singola rima. C’è chi ha spaccato, e chi ci ha provato. Voglio comunque ringraziarvi per avermi tenuto compagnia in questo periodo così difficile, e spero di essere riuscito a regalarvi un momento di distrazione, la passione per questa roba non conosce restrizioni. Tra tutti, una decina di ragazzi e una ragazza hanno catturato particolarmente la nostra attenzione, trovate i loro video sul sito di Red Bull (link nelle storie). I nostri preferiti sono stati @dakreymusic . Congrats ragazzi, con voi due ci vediamo in studio, non appena sarà possibile ?

A post shared by NIGHT SKINNY (@thenightskinny) on

Quindi prendetevi qualche ora libera e sciogliete corpo e mente: i mostri sacri, i pesi massimi e anche le nuove leve hanno alzato il sipario. Amati e odiati, morti e risorti, ‘ci hanno messo la faccia’. E in una primavera casalinga, in cui aleggiano troppe maschere di Dalì, possiamo goderci l’ascolto di una scena rap che fa sopravvivere la fantasia. Perché “il messaggio è chiaro e tondo: resta a casa e salva il mondo”. Segue una selezione di barre.

Camilla Folena

La gente canta sul balcone alle diciotto
fallo anche tu ma dopo buttati di sotto
scusate l’arroganza, leggenda sulla traccia
tolgo la mascherina per sputarti in faccia
è legittima difesa fra, senti ‘sta roba qua
ti lascia a terra con più tagli della sanità

Fabri Fibra

Questo è quello che vi consiglio volume Covid
resta a casa frate è meglio se non ti muovi
– Gemitaiz

Alle 18 c’è il bollettino
poi alle 20 boccia de vino
e se mi prende un po’ di tristezza
prendo il mio uomo e gli faccio un….
scherzoooo

– Margherita Vicario

Brò stammi lontano c’hai la peste,
questi stanno in giro sembra una corsa campestre
Poi ti svegli bianco con la faccia di Zio Fester
fra non fare il rapper se è tua madre che ti veste, o no?

– Salmo

Qua la vera piaga nera
è chi si fa l’apericena
– Shade

Vorrei vedere la faccia
di chi attaccava i cinesi per strada, in piazza
ora che la tua vita è a misura di stanza
e persino tua madre
ti sta a un metro di distanza
– Beba


Facebook


Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *